21.09.2019 A scuola in Villa

locandinaEventoMuseo

Ricominciano le scuole e il Museo Storico Etnografico ritorna con la sua offerta didattica. Sabato 21 settembre alle ore 15.30 il Museo di Romagnano presenterà le attività rivolte alla Scuola dell’Infanzia, alla Primaria e alla Secondaria di Primo Grado con l’evento “A scuola in Villa”.
Gli operatori del Museo illustreranno agli insegnanti i progetti

per l’anno scolastico 2019-20, che consentiranno alle classi non soltanto di visitare il Museo, ma anche di usufruire dei numerosi laboratori che arricchiscono la visita, come ormai è tradizione.

Dal 2011 infatti il Museo ha via via elaborato nuove modalità attraverso le quali i ragazzi apprendono entrando in contatto con oggetti, strumenti e tecniche del passato, con la vita di un tempo, con il lavoro e la vita quotidiana.
Questo avviene attraverso una visita guidata dinamica e interattiva, mirata ad un continuo confronto tra passato e presente, tra la storia e l’esperienza di ogni giorno di bambini e ragazzi, ma anche con attività pratiche e divertenti, laboratori e giochi che stimolano le abilità manipolative e la socializzazione, rafforzano la consapevolezza storica e incrementano il senso di appartenenza al contesto territoriale.
Dal 2017 si è inoltre istituita presso il Museo una commissione didattica presieduta da insegnanti ed ex insegnanti che, a titolo volontario, forniscono la propria consulenza mettono a disposizione la loro esperienza e professionalità nel progettare e svolgere attività sempre nuove adattandole alle esigenze dei ragazzi di oggi e al loro modo di apprendere.

La calligrafia, la tessitura, l’intreccio, i giochi di un tempo... queste sono solo alcune tra le numerose attività che si svolgono a Villa Caccia, consolidate (ma sempre rinnovate) e di successo, che hanno già visto impegnati negli anni centinaia di bambini, cui quest’anno si aggiunge un nuovissimo laboratorio sul vino, “anima” dell’agricoltura del nostro territorio, che non poteva mancare in un museo che si occupa soprattutto di civiltà contadina.
Il Museo si rivela dunque sempre di più non soltanto come luogo di conservazione di un fondamentale patrimonio storico, fatto di testimonianze materiali e di memorie delle generazioni che ci hanno preceduti, ma anche un luogo stimolante di crescita, di apprendimento, di attività che si rinnovano di anno in anno.